>

Sandro Sinigaglia - ASD ALPO BASKET '99

Vai ai contenuti

Sandro Sinigaglia

News
NUOVO RESPONSABILE DEL SETTORE GIOVANILE: SANDRO SINIGAGLIA

11 giugno 2016
Andrea Etrari

Nell'ottica di puntare sulle giovani, l'Alpo Basket '99 aggiunge un'importante figura che risponde al nome di Sandro Sinigaglia che sarà il responsabile del settore giovanile biancoblù. Sandro è quindi il nuovo referente tecnico e andrà ad affiancare Francesca Dotto che manterrà il ruolo di responsabile organizzativo del settore giovanile dell'Alpo Basket.
Vicentino, classe ’68, allenatore nazionale e formatore minibasket, Sinigaglia vanta innumerevoli esperienze che spaziano dal minibasket alla A2 femminile. Dapprima assistant coach di Dalmasson e di Rubini nel settore maschile a Vicenza, diventa poi capo allenatore del Basket femminile Sarcedo con cui ottiene la promozione in Serie B Regionale, passando quindi al San Martino di Lupari dove, nell’arco di 5 anni, ottiene due promozioni (2004 e 2008) dalla B nazionale alla A2.
Si trasferisce poi al Famila Schio dove guida varie squadre giovanili per 4 stagioni, sempre con ottimi risultati. Premiato come migliore allenatore alle Finali Nazionali U19 del 2010/2011, è stato anche coach della selezione Regionale Veneto Femminile (annata 1997) che nel 2010 ha ottenuto il primo posto al Trofeo Bulgheroni di Bormio. Negli ultimi 3 anni ha lavorato alla Cadelfa Padova, raggiungendo anche qui importanti successi sportivi e costruendo da zero un centro minibasket.
Queste le prime parole di Sandro Sinigaglia in biancoblù: «La prima cosa che voglio dire è che con l'Alpo Basket ci siamo inseguiti per tanti anni: ovvio che l'amicizia con Nicola Soave abbia contribuito a far sì che le nostre strade dovessero unirsi. Direi che questo è forse il momento giusto, perché loro hanno deciso di investire bene sulle giovanili qualche anno fa: credo che il settore giovanile e il settore minibasket possano ancora crescere tantissimo e siccome questa è una cosa che a me piace molto fare, ho pensato che fosse l'occasione per dare una mano ad una società che sta lavorando bene». Cosa ti ha chiesto la società in particolare? «Mi ha chiesto di lavorare con le giovani naturalmente, anche perché l'idea della prima squadra che sta nascendo sarà molto giovane, quasi un under. Io seguirò l'Under20 che sarà un'appendice della prima squadra e allenerò direttamente l'Under18 e forse l'Under16, oltre a dare una mano al Minibasket».

Torna ai contenuti